top of page

Appunti sulla domanda del senso della vita.

«Che so di Dio e del fine della vita?

Io so che questo mondo è.

Che io sto in esso, come il mio occhio nel campo visivo.

Che in esso è problematico qualcosa, che chiamiamo il suo senso.

Che questo senso non risiede in esso ma fuori di esso.


Il senso della vita, cioè il senso del mondo, possiamo chiamarlo Dio.

E collegare a ciò la similitudine di Dio quale padre. Pregare è pensare al senso della vita.

Il mondo è indipendente dalla mia volontà.

Se il volere buono o cattivo ha un effetto sul mondo, lo ha solo sui limiti del mondo, non sui fatti, su ciò che non può essere raffigurato dal linguaggio ma solo mostrato nel linguaggio.


[...]Amare il proprio prossimo. Questo significa volere».


Wittgenstein, Quaderni 1914-1916



4 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comentários


bottom of page